Fantanatù, giocare e crescere secondo natura

Fantanatù è crescere e giocare secondo natura, perché i bambini possano incontrare la bellezza nella natura e nel reale prima che nel virtuale. Conosciamo la natura e amiamo la vita rurale, ma non siamo né educatori né operatori turistici. Se un gruppo di operatori dell’educazione volesse avviare un progetto di campus estivo saremmo lieti di collaborare perché siamo convinti che conoscere la natura giocando sia il miglior modo per diventare grandi.

Abbiamo pensato a Fantanatù, perché i bambini e la natura sono le cose più importanti del mondo.

L’obiettivo di Fantanatù è di educare i bambini sia attraverso sane attività sportive perché imparino a interagire con gli altri, sia con il contatto intimo con la natura e il mondo rurale perché cresca in loro una coscienza civica.
Conosciamo molto bene la natura e molti dei suoi meravigliosi aspetti, ma non siamo né educatori né operatori turistici. Per questo auspichiamo collaborazioni allo scopo di educare i bambini alla consapevolezza che la bellezza è nella natura e nel reale prima che nel virtuale.


Il campus Fantanatù prevede attività sportive nella mattinata e vita rurale nel pomeriggio. Questo potrebbe essere il programma di massima dei pomeriggi nella natura.


PRIMO GIORNO, IL MONDO PRIMA DELL’UOMO
Il viaggio Fantanatù nella natura inizierà dal Parco dello Stirone per dare ai bambini l’idea del mondo nella preistoria, prima dell’avvento dell’uomo. Un esperto del parco li porterà a vedere i segni delle ere geologiche nei canyon scavati dall’acqua e i reperti fossili. Poi conosceranno la vegetazione e la fauna e vedranno da vicino i rapaci del centro Le Civette.


PRIMO GIORNO, UN NUOVO AMICO DA CRESCERE
Durante il primo giorno Fantanatù i bambini creeranno con le loro mani, aiutati da un esperto, il loro compagno di avventure: un piccolo amico di loro fantasia che li accompagnerà durante tutta l’esperienza alla scoperta del mondo rurale. Sarà un personaggio creato con elementi di riciclo, per insegnare loro che la fantasia può dar vita anche a materiali che si considerano usualmente “di scarto”, un piccolo amico che li guiderà e accompagnerà nel viaggio, arricchendosi di giorno in giorno di armi magiche, vestiti e caratterizzazioni.


SECONDO GIORNO, L’UOMO E L’AGRICOLTURA
Nella seconda giornata Fantanatù i bambini vedranno come l’arrivo dell’uomo ha cambiato il paesaggio e come l’uomo stesso trae sostentamento dai frutti della terra e dagli animali. Nelle fattorie  La Broncarda e Telarolo a Scipione entreranno in contatto con materiali e strumenti che facilitano il lavoro e nei porticati della fattoria, dove si trova di tutto perché tutto è utile, inventeranno l’arma magica del loro amico, imparando che niente in natura va sprecato e che tutto segue un ciclo naturale e circolare.


TERZO E QUARTO GIORNO, I PRODOTTI DELLA TERRA PROTAGONISTI
Nelle due seguenti giornate Fantanatù i nostri bambini al Caseificio Butteri e al Panificio Cavallo conosceranno le avventure dei processi produttivi: coi frutti della terra faranno il pane, i dolci e la pizza e con le materie prime degli animali faranno lo yogurt, arricchito di frutta. I biscottini aiuteranno il loro amico allo stesso modo delle pozioni magiche delle favole e l’etichetta del vasetto dello yogurt riprodurrà il loro compagno.


QUINTO GIORNO, BIODIVERSITÀ E RISPETTO DELLA NATURA
Nella penultima giornata Fantanatù, alla fattoria didattica Colle Rio Stirpi, i bambini comprenderanno l’importanza di mantenere la biodiversità, di difendere le piante dagli insetti nocivi in modo ecologico e di preservare dalla scomparsa i frutti antichi. Impareranno a costruire un nido, che potrà essere la casa del loro amico magico (in cartone per ragioni di sicurezza), ma grazie a un disegno tecnico potranno costruirlo in legno e metterlo nel giardino o sul balcone in città. Impareranno anche a non sprecare il cibo, recuperando le bricioline di pane e mettendole a disposizione degli uccellini ogni mattina in giardino o sul balcone, portando con sé in città un po’ di vita di campagna. Entreranno infine nel bosco della strega, una strega buona, che diventa cattivissima soltanto se gli uomini fanno del male al bosco dove abita. Gli abitanti di Scipione oggi per paura di brutti scherzi hanno imparato a volere bene al bosco e a non tagliare le sue piante.


SESTO GIORNO, LO SPAVENTAPASSERI
Nell’ultima giornata Fantanatù, dopo le tante esperienze fatte, il compagno di avventure sarà cresciuto e questa crescita si concretizzerà in un vero e proprio spaventapasseri. Con l’aiuto dei maestri costruttori l’amico dei bimbi diventerà grande e parteciperà alla fantastica Festa degli Spaventapasseri che si tiene ogni anno in luglio nella Capitale degli Spaventapasseri a Scipione Case Passeri di Salsomaggiore Terme.

Informazioni 338-6408916


Fantanatù bozza progetto

Nessun diritto d’autore è dovuto, perché i bambini vengono prima di tutto.
È possibile prendere liberamente spunto dalla nostra idea. Vogliamo però essere informati delle vostre esperienze per farne tesoro e sviluppare attività sempre migliori: da idea nasce idea.


Credito immagini:
https://it.freepik.com/vettori-gratuito/dinosauro-blu-con-illustrazione-denti-affilati_1148799.htm
https://it.freepik.com/vettori-gratuito/sfondo-di-frutta-e-yogurt_1124708.htm
https://it.freepik.com/vettori-gratuito/disegno-di-sfondo-farm_956676.htm

2 pensieri riguardo “Fantanatù, giocare e crescere secondo natura”

  1. Mi piace il prezioso utili informazioni nei tuoi articoli.

    Lo farò blog e controllare di nuovo qui regolarmente.

    Sono Sono abbastanza certo sarò Sono molte novità proprio qui!

    Buona fortuna per la prossima! Maramures Grazie, buona giornata!

    1. Patrizzia,
      grazie per aver visitato il nostro sito. Ci piacerebbe parlare con Lei, conosce l’inglese? I traduttori automatici sono pessimi.
      Thanks for visiting our site. We would be very glad to chat with you, can we use english? Automatic translators are very bed.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.