Il sorriso di Matteo

Il sorriso di Matteo sarà tra noi grazie alla musica di Gershwin, Orf, Tchaikovsky, Verdi, Stravinskij e Beethoven eseguita dagli straordinari musicisti dell’Orchestra sinfonica “La Nota in Più”. Sabato 8 settembre 2018 al Teatro Nuovo di Salsomaggiore Terme.

Non scorderemo mai il sorriso di Matteo

il sorriso di Matteo

Il sorriso di Matteo sarà tra noi sabato 8 settembre 2018 al Teatro Nuovo di Salsomaggiore in una serata che l’Assistenza Pubblica Salsomaggiore dedicherà al suo giovane volontario.

L’Orchestra sinfonica “La Nota in Più” eseguirà musiche di Gershwin, Orf, Tchaikovsky, Verdi, Stravinskij e Beethoven. La nota in più è rappresentata dal fatto che questa orchestra è composta da persone affette da autismo e disabilità cognitiva. È una nota in più che ci permette di apprezzare quello che la vita ci offre, con la stessa serenità del sorriso di Matteo, quel sorriso  che sarà sempre con noi.

Sentite un po’ cosa può fare la musica:
https://www.youtube.com/watch?v=sCP5LXkPios
https://www.youtube.com/watch?v=e5TtBFuv7mI
Avete sentito, vi siete commossi vero? Allora vi aspettiamo tutti sabato 8 settembre  al Teatro Nuovo.

Qualche informazione in più sull’Orchestra Sinfonica “La nota in più”: http://www.lanotainpiu.it/?p=39


Quello scelto dall’Assistenza Pubblica Salsomaggiore è un bel modo di festeggiare il 50° anniversario di fondazione.

Il sorriso di Matteo locandina concerto dell'Orchestra "La Nota in Più"


Sabato 8 settembre sarà una giornata interamente dedicata all’Assistenza Pubblica Salsomaggiore.

programma 8 settembre - 50 anni con Voi - Assistenza Pubblica Salsomaggiore


Per maggiori informazioni:
pagina facebook Assistenza Pubblica Salsomaggiore
sito internet Assistenza Pubblica Salsomaggiore

Gli Spaventapasseri ringraziano

Gli Spaventapasseri ringraziano chi ha partecipato alla festa, in particolare i bambini perché questa festa è dedicata a loro.

Gli Spaventapasseri ringraziano gli autori delle opere d’arte più libere, più creative e più belle che ci siano.

Gli Spaventapasseri ringraziano tutti i volontari che hanno lavorato per preparare la festa e i cibi speciali.

Gli Spaventapasseri ringraziano l’Amministrazione Comunale di Salsomaggiore Terme che ha concesso il patrocinio e ha creato un premio speciale per uno spaventapasseri speciale.

Gli Spaventapasseri ringraziano la Gazzetta di Parma, La Libertà e La Repubblica Parma per aver dato notizia della loro festa.

Gli Spaventapasseri di Case Passeri ritorneranno il prossimo anno, più belli e numerosi che mai. Nell’edizione 2019 ci saranno grandi novità.

i volontari della festa degli spaventapasseri 2018

Spaventapasri, Maj, o Pajas

Bonasera a tutt.

Im ciamen Renato e ven da Sès
a sun ammò svelt, se ciap in man i brèz
e scriv dal rimi perché am pièz
am pièz a scrivia tutt in dialètt
ia scriv alà sera prima d’andèr a lètt.

Ringrasci Marco d’aver ciamè
che a Ca di Pasra par pasèr la serè
la serèda ad conclusion
di spaventapasri, che taca al Stirón.

Na bela festa cun tant culur
fata da gente con dal vigur
le sté na gran bèla invension
i nan parlè ben, anca in televizion
sum che a Ca di Pasra asèma a vuèter
a guardèr cul camp le, cal pèr un quèder
un bel camp culurè, pien ad sagumi ad tant qualitè.

Ien bèi a bòta, guardei von par von
bravi … a ghi mis ad l’impegn, e i fat un bèl figuron
ien lavur d’artista, e vuèter si bon.

Fuma na ciacra cul noster dialètt
che nuèter al magnuma, tant me magnèr un cunfètt.

Che a Cà di Pasra tantisim ani fà
ghera tanti pasri che sul Dio alla sà
turtli, curnacion, pasri e pison
e nas salveva po gnent pranson
daltronde, da che mond e mond
iuzlen ien sempar ezistì,
quand ghe da magnèr, fra lur, i sen sempar capì
te ad magn che
me vagh in cul da svinant
te ad magn al sresi, me a magn i fiuron
fuma in manera, che nagh resta po gnent pran son.

Iabitant di pasra, stuf e rabì
ian cuminciè ciapès pri cavì
na bela sera i sen riunì
i sen riunì in cungregasion
asèma ai paruchian dal Pont ad Scipion
e quand is movan lur, anghe po gnent pranson
e stè ciapè di pruvediment
par salver, almeno al furment
e stè decis sensa tanti ciacri
da invinter … i spaventapasri.

Ecco parchè sum che riunì
i spaventapasri … che ien nasì
i spaventapasri da alura ien semper esisti
ieren fat ad paia, quesi sensa vestì
un fiasc impaiè cun un bel caplas
po sura la paia ig mativen i stras
a taca i bras ig tachevan i buslott
che quand i ciuchevan, i smariven i gazott.

Di spaventapasri, na vota ag nera pusè
ag n’era in dla vignà, in dal furment, e in d’lort
ma forsi al pasri, is snen mei acort
e dopa che al pasri i sen scantè
di spaventapasri, i nan pò piantè.

L’eter de, quand a sum pasè
dal sgasi fargnonni, ieren in meza al prè
che i scuriateven in meza i mai
forsi i sercheven un quel toch ad furmai,
te at pol metegh anca un bataglion ad suldè
che i sturen al sresi ian sempar magnè
lasumia magner che gan dirit anca lur
ien tutì creaturi dal noster Signur
un merul par suflèr la pur da magner
at vena i coion pri dan che fan
nuètar però, frutt e verdura, l’andum a toor da l’urtlan.

In conclusion custa che le na bèla manifestasion
però le tutt un zogh par feer divartir i ragas
lur is diverten curer in mèza i paias
in cul paes che, ien tutt bon garzon
al pasri aglià vool mia spavinter anson.

L’anagrafe la diz, che dal pasri che gne di milion
e che is caten ben, parche ien a ataca al Stiron
se te at la sent cinguetè frà lur
i disen:
che ghe dla chieta, ghe d’laria sana
metum sò ca che sum in campagna
d’ogni tant fum un vul in Stiron
cle na zona prutèta, e le nas tuca anson
che ghe dal sresi, dal furment, dla fruta,
dla fèva e riviott
po guma l’uvà bon’na che a un tir da sciopp”.

Al pasri in asemplea i sen riunì
e tutì dacordi ian cunvenì
che a Ca di Pasra ag fum al nì.

Ringrasium tutt l’oranizazion
parchè vuetèr si ativ dabon
cumincìè a cranvel, par finir a Nadèl
e po a Nadèl par finir a cranvèl
al calendèri, li limpì dabon
cun dal beli manifestasion
andè pur avanti, cun cul pas che
che anson nav tenà a drè.

L’uzlen le scapusè in dla vida
e la fola le fnida.

Renato Dallatomasina
Scipione Passeri, 29 luglio 2018

Gli Spaventapasseri premiati

Quattro serate di festa nella natura, accompagnate da musica e ravvivate da buon cibo, camminate, premiazioni e persino dalla lettura di poesie dialettali ispirate agli spaventapasseri.

La semplicità e l’accoglienza della gente di campagna ha offerto a tutti la giusta atmosfera per sentirsi liberi e sereni durante i quattro giorni della Festa degli Spaventapasseri di Case Passeri.
Si vedeva la felicità nei sorrisi dei bambini, la loro gioia di muoversi nel verde, di giocare liberamente nel modi più semplici e creativi e di immaginare storie fantastiche ammirando quelle strane creature di paglia e stracci.
Sono state quattro serate di festa nella natura, accompagnate da musica e ravvivate da buon cibo, camminate, premiazioni e persino dalla lettura di poesie dialettali ispirate agli spaventapasseri stessi e scritte da Renato Dallatomasina.
La giuria formata da due bambini e da Enrica Porta, Vice Sindaco di Salsomaggiore Terme, da Massimiliano Mazzaschi e da Antonio Folli ha proclamato i tre vincitori: 1° premio a “Il Gufo”, 2° premio allo “Spaventametal”, 3° premio a ”La Vanda”. E’ stato assegnato anche un premio speciale dell’Amministrazione Comunale a “Steve Guerriero di Paglia”.
I vincitori assoluti sono stati scelti all’interno di una selezione di 10 opere votate dalla giuria popolare.


I VINCITORI DELL’EDIZIONE 2018

LA SELEZIONE DEL VOTO POPOLARE 2018